0
Tag

abbigliamento sostenibile

In Jeans in canapa

NATURA DI GIMMI

NATURA DI GIMMI

“Anca mi da bocia li faxevo con me mama, li taiavimo verso fine agosto e li metevimo in te lonte a macerare.”
(traduzione: anch’io da bambina li facevo con mia mamma, le tagliavamo verso fine agosto e le mettevamo nel fiume a macerare).
Cit. Nonna Gilda


La nostra storia parte da questa citazione detta da una nonna ad un nipote in un pomeriggio di fine agosto.
Racconta di lei e la canapa, una tradizione che da bambina vedeva crescere nei campi attorno a casa sua come fossero girasoli. Una tradizione che manteneva moltissime famiglie Italiane e di cui il mondo ci invidiava.
Fu da li che due amici con la passione per il tessile capirono il potenziale sostenibile di questa pianta e di quanto il nostro pianeta ne ha bisogno.

La nonna Gilda con la canapa.

In Jeans in canapa

STORIA DELLA CANAPA

STORIA DELLA CANAPA

Nel 1997, una corda di canapa risalente al 26.900 a.C. fu trovata in Cecoslovacchia, diventando così il più vecchio oggetto conosciuto da associare alla canapa.

Da quella lontana epoca, o forse anche prima, la canapa ha avuto un ruolo importante nello sviluppo dell’umanità.

La coltivazione della canapa, comunemente nota come marijuana , può essere fatta risalire ad almeno 12.000 anni fa, momento in cui cominciò l’olocene e nel pianete si stabilizzarono le stagioni, permettendo così all’essere umano di evolversi da raccoglitore e cacciatore, ad agricoltore. Così ponendo la pianta tra le più antiche colture cresciute dall’umanità. Si ritiene che le piante di canapa si siano evolute in Asia centrale nelle regioni della Mongolia e della Siberia meridionale.

Le prime testimonianze culturali di Canapa provengono dalla più antica cultura neolitica conosciuta in Cina, lo Yangshao, che risiedeva lungo la valle del Fiume Giallo: dal 5000 al 3000 a.C. l’economia dello Yangshao fu trainata dalla cannabis. Le prove archeologiche mostrano che queste popolazioni indossavano vestiti di canapa, tessevano canapa e producevano ceramiche di canapa.

IL TESSUTO DI CANAPA

I tessuti di canapa sono ricavati dalla lavorazione della componente fibrosa dello stelo della pianta, detto “tiglio”.

Le fibre sono cave e igroscopiche e la combinazione di queste proprietà dona ai tessuti di canapa un’elevata capacità termoisolante e traspirante , pertanto sono freschi d’estate e caldi in inverno, inoltre la canapa è una tra le fibre naturali più resistenti, sia all’azione meccanica (usura e strappi) che alle deformazioni, grazie a questa caratteristiche un indumento di canapa risulta essere morbido, confortevole, fresco con il caldo e coprente con il freddo, resistentissimo, indeformabile e duraturo.

Ma i tessuti di canapa rivelano altre caratteristiche ancora più speciali: sono riflettenti sia dei raggi ultravioletti che degli UVA (fino al 95%), schermanti dai campi elettrostatici, non conducono l’energia elettrica, non irritano la pelle perchè sono anallergici e tengono lontani i batteri dalla superficie del nostro corpo grazie alle proprietà antisettiche. 

ITALIA & CANAPA

In Italia la canapa tessile è stata utilizzata sin dai tempi antichi: le celebri Repubbliche marinare, ad esempio, usavano la fibra di canapa per realizzare vele resistenti per le proprie imbarcazioni. Ma anche nel settore domestico l’uso della canapa era molto comune, soprattutto nelle aree del centro Italia.

In Emilia Romagna, ad esempio, all’inizio del Novecento erano presenti oltre 45mila ettari di coltivazioni da canapa su un totale di 80mila ettari presenti in tutta Italia. Il declino della coltivazione della canapa coincide con l’aumento della produzione di nuove fibre, dapprima soprattutto cotone poi anche le innovative fibre sintetiche. Inoltre, anche la legislazione ha contribuito all’abbandono della canapa tessile: nel 1975, infatti, a causa di una serie di severe normative legate alla coltivazione della canapa, il settore andò completamente abbandonato.

I VANTAGGI ECOSOSTENIBILI DELLA CANAPA

La canapa è una pianta abbastanza rustica e adattabile a molti tipi di terreni. E’ esigente in azoto ma non richiede eccessive cure o lavorazioni.

Per quanto riguarda le erbe infestanti, una volta conclusasi la fase di emergenza, non presenta problemi perché, essendo a rapido sviluppo, manifesta presto un’elevata competitività, andando ad eliminare l’utilizzo di pesticidi. Ma i vantaggi della coltivazione della canapa non si fermano qui, oltre alla capacità rinettante ed alla rusticità possiamo annoverare:

  • elevata resistenza ai parassitari.
  • modesta necessità di acqua, concimazioni tradizionali. E’ quindi una coltura a basso impatto energetico molto adatta all’agricoltura biologica.
  • Essendo ad accrescimento rapido, la canapa sequestra 4 volte più CO2 rispetto a qualsiasi altra pianta.
  • Con le sue radici a fittone viene usata nei terreni inquinati da metalli pesanti come fitorimediazione, termine che indica appunto la capacità di alcuni vegetali di depurare terreni, aria e acqua da sostanze inquinanti, per stoccarle al proprio interno.

(di seguito il link per un articolo di fanpage legato alla fitorimediazione con la canapa in Puglia)

https://www.fanpage.it/attualita/la-canapa-per-ripulire-il-pianeta-dai-metalli-pesanti-in-puglia-parte-la-sperimentazione/#:~:text=La%20canapa%20infatti%20%C3%A8%20una,per%20stoccarle%20al%20proprio%20interno.